Canvas business model

Canvas business Model: come compilarlo per essere competitivi

Il Canvas Business Model, presentato per la prima volta da Alexander Ostelwalder negli anni 2000, è uno strumento strategico di business design che utilizza il linguaggio visuale per creare e sviluppare modelli di business di alto livello.

Il Business Model Canvas è un documento interno che spiega visivamente il modo in cui un’azienda crea, distribuisce e cattura valore. In questo framework sono rappresentati sotto forma di blocchi i 9 elementi costitutivi di un’azienda.

Il Canvas Business Model non è, quindi, una delle semplici “scartoffie” di partenza necessarie per far partire la tua Startup. Infatti, la corretta compilazione di questo modello può portare a far funzionare meglio la tua impresa e a farla diventare competitiva velocemente.

È importante sottolineare che questo strumento non sostituisce in alcun modo il Business Plan o l’Analisi Strategica. Il Business Plan si concentra sulla parte economica concernente ricavi, costi e flussi di cassa mentre il Business Model Canvas non si occupa di questa parte. La compilazione e aggiornamento di questo documento è, quindi, un’attività complementare utile a delineare dove vuole andare la tua azienda.

In pratica, il Canvas Business Model è uno strumento supplementare molto efficace per comprendere la direzione da prendere con la tua startup, una sorta di “guida”. Grazie al suo layout visuale aiuta inoltre ad analizzare molti aspetti della tua impresa in modo chiaro e pratico.

Canvas Business Model, cos’è e come farlo

Com’è fatto un Canvas Business Model? Questo modello è composto da un unico foglio diviso schematicamente in blocchi, come se fosse la tela di un pittore (di qui il nome “canvas”). All’interno sono posizionati i 9 elementi necessari al funzionamento di un’impresa o startup innovativa.

La schematizzazione dei processi aziendali e delle loro interazioni permette di avere, in modo immediato, una visione dei rischi, dei punti di forza, delle possibilità d’innovazione. Per questo il Canvas Business Model è uno strumento molto indicato e utilizzato per velocizzare i processi di comunicazione, ideazione e problem solving.

Come compilare un Business Model Canvas

Vediamo adesso in dettaglio quali sono le singole componenti di questo strumento.

All’interno del Canvas Business Model ci sono 9 blocchi suddivisi in 3 gruppi che rispecchiano altrettante aree della tua attività.

Si parte dal primo gruppo di 3 blocchi dedicati alla creazione del valore:

  • Risorse chiave
  • Attività chiave
  • Partners chiave

Questa conoscenza di sé è fondamentale per capire quale tipo d’intervento, nell’assetto interno di un’impresa è necessario per un cambiamento. A maggior ragione per le startup, questi blocchi chiariscono maggiormente l’identità che si vuol dare all’azienda in fase di creazione del valore.

Si procede poi con un gruppo di 4 blocchi dedicati al “front-end” dell’azienda:

  • Proposta di valore, che fa riferimento al valore percepito dal cliente
  • Segmenti di clientela
  • Canali di vendita
  • Relazioni con i clienti, essenziali per la vendita del prodotto

È importante sottolineare il peso di questi 4 blocchi rispetto al resto del canvas, in quanto ci dicono molto sul tipo d’impegno e di pianificazione da adottare nel rapporto col cliente.

Il Canvas si chiude infine con due blocchi ulteriori che rappresentano la sostenibilità economica del business model:

  • Struttura dei costi
  • Flussi di ricavi

Questa parte, più strettamente economica, è molto importante. La struttura dei costi è il blocco che analizza i costi più importanti del nostro business model (anche a seguito di un lancio di un prodotto nuovo e innovativo). I flussi di ricavi sono un blocco che rappresenta invece la parte legata al valore del prodotto.

Per fare un esempio, questo blocco può essere compilato rispondendo a domande come:

  • Per quale valore i nostri clienti intendono pagare?
  • Per cosa pagano?

Compilare un Canvas Business Model è dunque un’attività imprescindibile per pianificare al meglio un’attività, ma stiamo parlando di uno strumento infallibile?

La risposta che si può dare è che stiamo parlando di uno strumento fondamentale per fare impresa in tutte le fasi, ma che necessita di essere compilato con dedizione e attenzione. L’accuratezza e l’aggiornamento continuo di questo modello aiutano a essere più competitivi e ad affrontare meglio ogni fase di sviluppo della tua azienda (che sia in startup, in un processo di rinnovamento o che affronti il lancio di un nuovo prodotto).

Il Business Model Canvas contribuisce molto a costruire una visione globale di come l’azienda dovrà disporsi sotto molti aspetti, ma ogni caso specifico ha bisogno di un modello di business unico. Per questo, esistono strumenti aggiuntivi per affinare ancora di più la pianificazione delle attività.

The Startup Canvas, un modello innovativo

Vista l’importanza del Canvas Business Model nell’analisi, organizzazione e lancio delle attività, via via nel tempo sono andati affinandosi strumenti più specifici.

The Startup Canvas, ad esempio, è un framework innovativo nato da oltre 25 anni di esperienza nel campo delle Startup. Questa “variante” del canonico Canvas Business Model nasce dall’idea di adattare i modelli precedenti in base alle reali necessità degli startupper, per renderli più efficaci e competitivi nello sviluppo della loro attività.

The Startup Canvas

Fare impresa necessita, e necessiterà sempre, di un approccio mentale orientato al cliente e flessibile, interpretando il momento storico che si sta vivendo.

Da questa necessità nasce The Startup Canvas, un modello circolare, dinamico basato su crescita e miglioramento continui.

The Startup Canvas è costituito da 12 blocchi che costituiscono tre macro aree: l’idea di business, la strategia, l’execution.

La differenza principale rispetto ai modelli standard di Business Model Canvas è quella d’includere alcuni blocchi fondamentali per fare Startup oggi giorno, permettendoti di essere più efficace e competitivo nel tuo lavoro imprenditoriale.

All’interno di questo modello sono incluse, infatti, strategie come il Fund Raising, l’Intellectual Property, la Traction.

Se sei curioso di scoprire di più sul metodo The Startup Canvas, non esitare a contattarci per conoscere il modello di business più adatto alla tua startup!

dropshipping cos'è

Il dropshipping: cos’è. Come vendere online senza magazzino

Anche tu ti occupi di vendita online e hai sentito parlare del dropshipping? Cos’è questo nuovo metodo che sta prendendo piede ultimamente?

Si tratta di un trend che riguarda il mondo del commercio online e che ha già avuto molto successo oltreoceano negli ultimi anni. Sembra davvero efficace e attrae l’attenzione di molti potenziali imprenditori.

innovare per crescere

Come innovare per crescere: l’esempio di 3 colossi come Amazon, Tesla e Spotify

L’innovazione è, forse, la leva più forte per ogni azienda che desidera rimanere sul mercato e crescere ancora.

Nonostante il difficile periodo che tutto il settore dell’imprenditoria ha dovuto affrontare, alcune aziende hanno continuato ad innovare facendo la differenza tra la semplice sopravvivenza e il successo, come hanno fatto alcune startup italiane all’inizio della pandemia.

Alcune storie, più di altre, sono in grado di dimostrare come una corretta impostazione della crescita aziendale possa davvero consentire di raggiungere ottimi risultati.

Ecco l’esempio di 3 aziende, Amazon, Tesla e Spotify, che sono state capaci di mettere in atto l’innovazione, tanto da diventare dei colossi a livello mondiale e trainare i propri settori di riferimento.

Amazon: innovazione sì, ma senza trascurare il cliente

Jeff Bezos è partito letteralmente dal nulla fino a dare vita ad un vero e proprio impero.

La sua azienda, nata ormai nel lontano 1994 con il nome di cadabra.com, ha registrato una crescita inizialmente molto lenta, fino a quando il suo founder non ha dato una vera e propria svolta al modo di pensare il proprio business.

Come la maggior parte delle aziende fanno, inizialmente Bezos guardava la sua azienda dall’interno cercando di offrire qualcosa di nuovo ai propri clienti con le conoscenze e risorse che già possedeva.

Non sempre, però, questo è sufficiente, così ha deciso di cambiare prospettiva iniziando ad osservare il comportamento dei clienti e chiedendosi come soddisfarli. Quindi, ha cercato persone in grado di supportarlo con competenze che non possedeva, uscendo fuori dal proprio ambito, per sviluppare soluzioni innovative, come il Kindle.

Le novità in Amazon sono state, da quel momento in poi, all’ordine del giorno. Nuovi servizi, nuovi prodotti, nuovi modelli di sviluppo la fanno da padrone in un’azienda in continua evoluzione e che punta al futuro, ma con un occhio sempre rivolto al cliente, di cui moltissime aziende invidiano l’assistenza che è in grado di offrire.

Tesla: rompere gli schemi per costruire un nuovo futuro

Tesla, rinomata azienda produttrice di auto elettriche, è stata definita una delle più innovative del mondo e il suo founder, Elon Musk, è il considerato un vero e proprio visionario.

Negli ultimi anni, la sua fama è cresciuta incredibilmente perché Tesla ha messo a fuoco le sue priorità e le ha portate avanti con impegno e decisione:

  • Ottimizzare le risorse: le opportunità di crescita migliori provengono dall’interno. Le proprie risorse sono la cosa più preziosa che ogni azienda possiede. Una riorganizzazione e valorizzazione di queste può portare, spesso, a risultati inaspettati.
  • Sfidare i limiti e le convenzioni: aziende come Tesla non si fanno fermare dai propri limiti, ma alzano sempre più l’asticella, tracciando la via dell’innovazione con soluzioni fantascientifiche.
  • Comprendere i bisogni del mercato: saper indagare il mercato, intercettare le richieste dei consumatori e proporre qualcosa di ancor meglio di ciò che si poteva immaginare è senza dubbio una strategia vincente, in tutti i settori.
  • Cavalcare le mode e dettare tendenze: con il proprio brand, non soltanto Tesla ha saputo sfruttare pienamente i trend del momento ma ne ha dettati di nuovi, creando un vero e proprio status symbol intorno ai propri prodotti.

Tesla ha saputo davvero rompere gli schemi diventando il marchio del futuro, e ci è riuscita innovando, guardando oltre, trovando o sviluppando da zero una soluzione ai problemi incontrati.

Spotify: una rivoluzione nel settore della musica

Possiamo dire che Spotify ha davvero rivoluzionato il mercato della musica. Lo ha fatto intercettando un bisogno di mercato che non veniva soddisfatto da nessuno, riuscendo a sviluppare una piattaforma che dà agli utenti il totale controllo della loro esperienza.

Daniel Ek, il suo fondatore, ha compreso come la personalizzazione potesse diventare la chiave di volta di questo business, basato sull’intelligenza artificiale, in grado di suggerire agli utenti ciò che molto probabilmente apprezzeranno di più.

Il successo di questo modello di business è dimostrato non soltanto dai suoi affezionati clienti, ma anche dagli investitori. Infatti, Spotify ha raccolto più di 1 miliardo e mezzo di dollari in 8 round d’investimento.

Vuoi prendere spunto dai migliori per dare vita al tuo business di successo? Rimani aggiornato sul settore imprenditoria e startup

muoversi nel settore fashion

Muoversi nel settore fashion: tutto quello che c’è da sapere

Il settore fashion è tra quelli più affascinanti, poliedrici ed appetibili per eccellenza.

Che tu sia uomo o donna, è bene che si conosca tutto ciò che il settore moda regala ma allo stesso tempo nasconde.

Muoversi all’interno di questo mondo fatto di tanta bellezza pretende però delle conoscenze di base imprescindibili.

Tutti i capi di alta moda che vediamo indossati dalle modelle, passano direttamente dalle passerelle alla produzione in modo rapido ed economico.

Questo processo prende il nome di fast fashion, che identifica appunto la moda di consumo veloce, immediata ed economica, ripresa soprattutto dalle grandi catene internazionali.

Parliamo ad esempio di Benetton, H&M, Zara, Mango, Bershka, Primark etc…

Come preparare un business plan

Come preparare un Business Plan al rilancio post Coronavirus

Come preparare un business plan ad hoc post Covid-19? Qui ti diamo le risposte che stavi cercando!

Sia che tu abbia un’azienda o sia un lavoratore autonomo, starai sicuramente pensando alla riapertura post Coronavirus.

Anche se non tutti i settori sono stati duramente colpiti dall’emergenza Covid, la maggioranza degli imprenditori teme per il proprio business e ha paura di non riuscire più a riaprire i battenti.

D’altro canto però, il solo fatto di essere un imprenditore e aver tirato su un’azienda o un’attività dal nulla, dovrebbe farti riflettere molto.

E-learning : come cambia l’apprendimento nelle università

E-learning : come cambia l’apprendimento nelle università

Dalle lezioni tradizionali alla gamification: i passi fatti nel mondo della formazione sono formidabili. Abbattendo il concetto di spazio e tempo, i corsi erogati in modalità e-learning non sono dedicati soltanto a studenti che hanno appena conseguito il diploma, ma anche a persone in età avanzata, che vogliono coltivare i propri interessi, oppure impiegati d’azienda, che vogliono rimanere aggiornati sulle proprie mansioni.

Vediamo nello specifico di che cosa si tratta e perché è importante puntare sull’interazione e sull’analisi dei dati da questa ottenuti.

Come monetizzare? I principali business model per la tua startup

Come monetizzare? I principali business model per la tua startup

I modelli di business descritti in questo articolo ti aiuteranno a definire i tuoi obiettivi. Iniziamo subito a scoprire quello più adatto alla tua idea di business.

L’ultima volta abbiamo parlato delle 23 Call per startup: scopri le call e i bandi a fondo perduto attivi oggi invece esploriamo insieme 6 modelli di business per costruire una startup. Prima ancora di definire un business model devi studiare, necessariamente, come si struttura un business plan e se ancora non lo hai fatto ti consigliamo di leggere: come fare un business plan, i 10 passaggi da seguire.

The Startup Canvas

Sai come lavorare su un business model canvas?

Ti spieghiamo come farlo in 12 semplici passaggi.

Se frequenti la nostra rubrica avrai sicuramente letto del nostro strumento strategico: The Startup Canvas nato appositamente come visual chart per le startup.

Se è la prima volta che leggi di questo innovativo metodo mettiti comodo!

Oggi ti spiegheremo come compilare un canvas, in particolare The Startup Canvas, ma prima ti spieghiamo di che cosa si tratta.

The Startup Canvas si compone di tre macro-aeree: la business idea, la strategy e l’execution.

The Startup Canvas è il primo strumento strategico con un framework strutturato in 3 aree principali (business idea, strategy ed execution) composte da 12 building blocks. E’ stato strutturato in questo modo per poter strutturare al meglio ogni processo di sviluppo di una startup. E’ uno strumento strategico volto ad aumentare l’efficienza e diminuire la probabilità di insuccesso.

Massimo Ciaglia ha costruito questo modello dopo anni di esperienza nel settore, il modello è composto da 7 processi chiave per lo sviluppo di una startup: il product development, il customer development, il marketing, il fund raising, il team building, l’intellectual property e la traction. Su questo articolo di qualche mese fa trovi un valido approfondimento

Il metodo è stato pubblicato all’interno di un libro che è divenuto in Italia un best seller, “The startup canvas. Il metodo per trasformare un’idea in un successo sicuro” ed è acquistabile in tutte le librerie o su Amazon e se vuoi ricevere l’ebook con i primi capitoli gratuiti scaricalo da qui.

Il canvas è adatto per ogni startup che tratta di: life science, bio tech, insurtech, fintech, IoT, educational, food&beverage, moda, social, travels, food, ICT e tanto altro ancora.

Se ti senti chiamato in causa allora questo è l’articolo che fa per te!

In particolare, attraverso questo strumento strategico, sarai in grado di strutturare sin dalle basi la tua idea di business e analizzare in dettaglio tutte le ricadute nelle varie aree, in maniera correlata.

Il 42% delle startup fallisce, perché non è stato validato il problem-solution fit, ovvero la verifica sul campo dell’idea come effettiva soluzione ad un bisogno reale. E’ importantissimo farlo tramite sondaggi e/o interviste, e verifcare da subito che la tua soluzione sia realmente la risposta ad un bisogno della tua clientela target. Steve Blank ci insegna: “Get out of the building”, esci e parla continuamente con i tuoi clienti, comprendi ciò che realmente vogliono e poi saranno i primi ad acquistare il tuo prodotto. Dopo che il problema è stato validato si potrà parlare di product-market fit, necessario per validare quanto il tuo prodotto sia in grado di soddisfare il bisogno del mercato.

Ora saresti pronto a compilare un business model canvas? Facciamolo insieme!

Business model canvas come compilarlo 

1. La business idea

The Startup Canvas rispetto agli altri canvas esistenti si sofferma sul problema, sullo sviluppo del mercato, sulla value proposition e sulle ipotesi fiduciarie.  Questo innovativo canvas porta all’interno nuove aree funzionali e processi che servono per strutturare una startup, aree che non sono mai state citate dagli strumenti precedenti. La raccolta fondi, per esempio, è un argomento che non è mai stato affrontato, o anche la traction che negli altri canvas è un’altra sezione che non è mai stata affrontata. Entrambe imortantissime perché senza soldi nessuna startup potrà mai crescere velocemente e quindi come è importante strutturare il product development, la customer development, il marketing e tutti i processi noti, è altrettanto fondamentale strutturare anche una adeguata strategia di raccolta fondi.

Si inizia identificando il problema che il mercato ha per poi dare la migliore soluzione. Quindi il problema e il mercato sono la base dalla quale partire. Questo problema, a volte, non è noto perché deve essere validato. Non possiamo sapere se il problema sia realmente percepito dalla clientela. Dobbiamo validare che la nostra soluzione sia la giusta risposta a quel problema e che la clientela risponda positivamente, quello che si chiama il PROBLEM-SOLUTION FIT.

La seconda fase di validazione è creare il prodotto il più possibile aderente al  mercato di riferimento, ovvero trovare il PRODUCT-MARKET FIT. In questa situazione non sappiamo se il mercato risponda positivamente al prodotto, se l’idea sia ripetibile e scalabile, ma soprattutto quanti soldi ci servono per mettere a punto il progetto imprenditoriale; quindi è chiaro che l’approccio waterfall, con cui opera il Business Model Canvas, non è perfettamente applicabile ad una startup.

La raccolta fondi (Fund Raising) è uno dei processi del modello The Startup Canvas, ed è uno dei 7 processi chiave all’interno di ogni startup per poter strutturare una strategia sostenibile in ogni fase di crescita, quindi non rallentarne la crescita, anzi stimolare a far crescere velocemente il progetto come suggeriva Paul Graham. Una startup deve crescere mensilmente tra il 5% e il 7% per essere definita sostenibile.

 

Ecco il canvas e come compilarlo

La prima area di The Startup Canvas è la business idea, composta a sua volta da 4 quadranti.

Il primo quadrante della business idea è il problema. Il problema è il bisogno che sente il tuo potenziale cliente, talvolta si manifesta come un bisogno espresso oppure latente. Il bisogno latente può essere indotto e trovi un certo tipo di mercato, mentre quando ti posizioni in maniera unica sul mercato e soddisfi un bisogno percepito che prima di all’ora non veniva soddisfatto allora la tua idea, se strutturata nel modo giusto, ha grandi possibilità di avere successo.

Il secondo blocco è la customer development, la teoria di Steve Blank è tutto ciò che ci serve per capire qual è il mercato adatto, per capirlo bisogna analizzare chi sono gli utenti tipo ma anche capire meglio chi sono i competitor. Le personas sono identificate attraverso caratteristiche demografiche e sociografiche, quindi un segmento della clientela ben preciso, fondamentale per non perdere denaro e per non disperdere energie: soprattutto per capire quale tipo di persona ha quel problema che il progetto ideato deve risolvere. In questa seconda area dobbiamo anche capire quali sono le relazioni che si instaurano, perché una volta che definiamo un prezzo e acquisiamo un cliente si definisce anche la retention e la fidelizzazione, dobbiamo capire come mantenere il cliente. Infatti, spesso, il tasso di abbandono (churn rate) di una startup è alto se non si lavora sulla fidelizzazione. In questa fase si crea un MVP, il prodotto minimo fattibile da validare sul mercato, per presentarlo ai finanziatori e per avviare l’impresa. Dropbox si è introdotto sul mercato con un video e una landing page dove spiegava la struttura della piattaforma, in pochissimo tempo hanno acquisito 75000 utenti, dimostrando al mondo che c’era un mercato che richiedeva il loro prodotto.

Il terzo blocco è la value proposition, quest’ultima serve per capire il posizionamento del prodotto rispetto ai competitor, ovvero quello che differenzia il prodotto dagli altri sul mercato; per capire quali sono le caratteristiche, perché queste caratteristiche sono più innovative rispetto ad altri, come massimizzare il prodotto e come farlo scalare sul mercato.

L’ultimo blocco della business idea sono le ipotesi fiduciarie. Assumption che se non vengono rispettate potrebbero far crollare il progetto. E’ necessaria un’analisi di interiorità prima di sviluppare la tua idea, ma anche analisi di mercato, le ipotesi fiduciarie servono per strutturare tutto il piano dell’impresa.

Andiamo avanti con la compilazione del nostro business model.

   2. La strategia | Come compilare il canvas

Dopo aver analizzato la Business Idea, la seconda area affrontata in The Startup Canvas è la strategia, nello specifico: Il Business Model, il Marketing, il Piano Finanziario, la Proprietà Intellettuale; tutti step che ti permettono di metterti al sicuro e di posizionarti sul mercato.

Il Business model è il cuore di ogni startup, perché per monetizzare una startup deve trovare dei canali di revenues (revenue streams) che permettano alla startup di monetizzare, anche a seconda della clientela selezionata e del canale scelto: B2B o B2C.

Il business model è un modello in crescita, perché può partire con un determinato canale di revenue e poi spostarsi su altri canali, come per esempio startup che si trasformano da piattaforme freemium a piattaforme premium e così via. In accordo con Steve Blank ogni business model deve essere attuabile, replicabile, scalabile (crescere costantemente) e sostenibile (produrre profitto).  Una startup deve agire localmente i primi tempi ma pensare con una vision globale.

Il Marketing è uno dei blocchi chiave: ogni startup è trainata dalla clientela, questo traino avviene solo se il prodotto ideato risolve veramente un bisogno di un certo tipo di clientela.

“Avere una idea non significa venderla”

Bisogna creare delle strategie di marketing per colpire il giusto target e far conoscere il prodotto/ servizio, infatti una delle figure perno in una startup è il responsabile marketing (CMO), o il responsabile alla crescita (CGO), che si occupa delle strategie di crescita. La prima cosa da analizzare è il tipo di mercato che si sta aggredendo, capire a chi è utile il prodotto per poi costituire le buyer personas. Successivamente, il branding, una volta strutturata la startup è importante stabilire un piano di comunicazione distintivo, in cui la prima cosa necessaria da fare è avere una presenza on line, quindi sviluppare un logo, bloccare il dominio e creare una landing page, con un linguaggio sia orientato agli investitori sia alla clientela. Per iniziare una startup deve collaborare con pubbliche relazioni, testate e blog, sfruttando anche campagne web e partecipando ai vari contest ed application dell’ecosistema in via continuativa.

Il terzo blocco della strategia è il piano finanziario (financial plan), dove di solito entra in gioco un advisor o mentor, esperto della gestione finanziaria. Il flusso di cassa deve essere ben gestito, perché una startup brucia cassa prima di monetizzare. Il financial plan è necessario per stabilire i flussi di cassa e i margini dei costi e dei ricavi, la premoney evalutaion e tanti altri indicatori per capire la somma di denaro che necessita la startup dalla fase pre-seed al Round A.

La proprietà intellettuale ti consente di blindare e proteggere la tua idea rispetto al mercato, quindi quando ti vai a posizionare occorre proteggere l’idea nelle varie fasi di strutturazione. In questo caso sono compresi i brevetti, si protegge un’invenzione che viene anche definita come privativa industriale. Lavorare sui brevetti, sui domini, sui design, sui marchi e blindare fin dall’inizio l’idea fa sì che il tuo posizionamento ti renda unico sul mercato e soprattutto protetto.         

3. L’ esecuzione

La terza parte è composta dagli ultimi 4 blocchi: team, operation, traction e fund raising.

Completiamo anche questa fase…

Il team è l’area dove si struttura l’azienda dal lato risorse umane, le aziende sono fatte di persone prima ancora dell’idea. Il team è composto da persone che hanno un track record, ovvero un’esperienza più o meno nota alle spalle. Il concetto chiave è l’allineamento verso una vision e una mission condivisa tra tutte queste figure coinvolte nel progetto startup. Non ti resta che inserirle nel tuo canvas. Il team deve essere composto da figure complementari e rappresenta il 60% del valore della tua startup! Non trascurarlo quindi. Come strutturare un team di successo? Su questo articolo di qualche mese fa trovi le risposte.  

Nel secondo blocco, le operation, vengono affrontati tutti gli argomento del left side del Business Model Canvas di Alexander Osterwalder, ossia le attività chiave, le risorse chiave e i partner chiave. Ma non solo, infatti strutturare una startup è importante già dalla costituzione, per esempio se la costituiamo all’estero o in Italia è ben diverso dal punto di vista giuslavoristico, fiscale, di costi, di compliance normativa, etc..

Una volta costituita in Italia, si analizza la forma, come SRL o SRLS, come renderla innovativa ed iscritta iscriverla al registro speciale (qui trovi tutte le info sulle startup innovative). Gli stakeholders potrebbero essere: influencer, partners, risorse, ovvero tutti coloro che fondano il sistema della startup presa in considerazione.

Il terzo quadrante dell’esecuzione (execution) è la traction. Traction significa letteralmente “dimostrazione quantificabile della richiesta del mercato”, ovvero capacità di farsi conoscere e rendere unica la startup. Il mercato è già condizionato da altri competitor per questo bisogna sempre monitorare e controllare la gestione attraverso metriche ben precise. Le metriche di crescita e di engagement, nella fase seed e pre-seed, sono di quelle startup che non hanno ancora modo di visualizzare i propri ricavi, quindi possono visualizzare il numero degli utenti o il tasso di crescita di quest’ultimi. Mentre per quelle in fase di early stage che fatturano ci sono metriche economico-finanziarie. Quindi in conclusione all’interno della traction tramite KPI bisogna valutare la gestione e analizzare i risultati.

Nell’ultimo blocco troviamo la raccolta fondi (fund raising), necessaria per capire come approcciare con il mercato e quali canali utilizzare per trovare finanziamenti. I primi che possono finanziarie una startup sono amici (friends), familiari (family) o amanti dell’idea (fools). La prima cosa da fare è creare un business plan (qui spieghiamo come fare ), un MVP e rivolgersi ad un mentor.  Dopo si può optare per incubatori o acceleratori e finanziatori (in fase esclusivamente di early stage); ci sono anche dei club di business angel che finanziano fino a 300.000 euro. La raccolta fondi (fund raising) è diversa da paese a paese; Germania, Francia e UK sono i paesi migliori per ottenere finanziamenti. Poi ci sono le piattaforme di Equity crowfunding o progetti legati alla finanza agevolata, specialmente per startup che hanno una ricaduta sociale anche a livello europeo. Per saperne di più leggi questo articolo del blog dedicato ai finanziamenti. 

Se hai capito come si compila un business model canvas non ti resta che scaricarlo…